Salisburgo a dicembre: non solo mercatini di Natale

Una possibile meta in stile natalizio per il vicino e prossimo ponte dell’8 dicembre? Questa volta ricado sul classico, certo, ma se non ci siete mai stati in inverno, ve la consiglio vivamente: parlo della magica Salisburgo. E’ sicuramente una delle città più gettonate in questo periodo dell’anno, complici i suoi affascinanti mercatini di Natale che accendono l’intero centro storico; un insieme di addobbi, luci e colori che immergono i visitatori nella magica atmosfera natalizia. Il mercatino, però, non è solo uno e concentrato in un unico posto, ma si snoda in più parti della città, tra le sue piazze principali (Piazza della Residenza e Piazza del Duomo), i numerosi passaggi e le corti interne, per culminare nel cortile della Fortezza di Hohensalzburg, che domina dall’alto della collina. Protagonisti, come sempre, oggetti d’artigianato tradizionale e raffinato, decorazioni aromatiche, oggetti d’arte di ogni tipo a tema natalizio e gli immancabili prodotti enogastronomici tipicamente austriaci. Non possono poi mancare anche i cori tradizionali Salisburghesi, con varie esibizioni durante l’arco delle giornate.

A fare da sfondo alle centinaia di bancarelle presenti, ci pensa il fascino dalla città di Mozart con i suoi negozi addobbati, la sua architettura in stile barocco e i numerosi monumenti che, se non siete mai stati a Salisburgo, non potete di certo perdere.
Partiamo dall’alto dove si erge l’attrazione principale della città: la Fortezza di Hohensalzburg, un imponente castello di colore bianco costruito nel 1077 e oggi conservato un splendide condizioni. Al suo interno, sono ospitati il Museo della Fortezza, il Rainermuseum e il Museo delle Marionette, ed è collegato direttamente al centro da una funicolare, oppure attraverso una passeggiata di circa 30 minuti. Non potete fermarvi a Salisburgo senza visitarlo, anche perché dall’alto dalla sua collina si gode dei migliori panorami sull’intera città e sulla vallata circostante.

La città austriaca è poi famosa per un conosciuto artista del passato: Wolfang Amadeus Mozart. Tutto qui rimanda a lui, dai classici souvenir di ogni genere ai famosi cioccolatini, le palle blu e rosse. D’obbligo è quindi la visita alle sue due case per conoscere la sua storia: la Mozart Geburtshaus, dove nacque nel 1756; e la Mozart-Wohnhaus, dove visse dal 1773. Se avete tempo vi consiglio anche una puntata veloce al cimitero di S. Sebastian, situato nella riva sinistra del fiume Salzach: qui sono ospitate le tombe della moglie Costanze e del padre Leopold.

Sempre da questo lato della città, concedetevi un po’ di tempo per passeggiare tra i curati giardini del Castello di Mirabell.

Consigliatissima è poi la visita a uno dei più antichi cimiteri della città, quello di Petersfriedhof. Situato dietro la chiesa di San Pietro, è un pittoresco angolo stretto tra la rupe e il centro cittadino e vi si trovano le tombe decorate delle antiche famiglie nobili salisburghesi.

Da qui si accede anche alle suggestive catacombe di San Pietro scavate nella rupe stessa, salendo una ripida scalinata. Al centro del cimitero, domina la particolare Margarethen Kapelle, una piccola chiesetta gotica.

Da non perdere infine le tre principali chiese della città: il Duomo, caratterizzato da due torri gemelle e una grande cupola, l’Abbazia di San Pietro e la Franziskanerkirche.
Passeggiando tra i mercatini avrete sicuramente modo di ammirare Piazza della Residenza, dominata dal maestoso omonimo palazzo – oggi sede di una galleria d’opere d’arte fiamminghe e olandesi – e la particolare fontana barocca al centro della piazza.

Se dopo la visita a Salisburgo e ai suoi mercatini vi avanza una mezza giornata libera, sulla via del ritorno fate una piccola deviazione per le miniere di sale di Hallein, situate a soli 20 km dalla città. Una simpatica visita assicurerà divertimento per tutta la famiglia, grandi e piccini (dai 4 anni in su), ve lo garantisco!


E’ stato il sale a dare una parte del nome alla città di Salisburgo ed è stato proprio il sale a renderla ricca e potente in passato. Le vecchie miniere, un labirinto di cunicoli, oggi può essere visitato come museo: indossando una tradizionale tuta protettiva dei minatori, salirete a bordo di un trenino da miniera che vi condurrà al suo interno fino alla piccola stazione principale. Da qui, una guida – anche in lingua italiana – vi condurrà lungo un percorso che, tra divertenti scivoli e chiatte per attraversare laghi sotterranei, esplorando i diversi livelli della miniera. Da non perdere!

Al loro esterno, è presente un gran parcheggio con una parte riservata proprio alla sosta dei camper.

Passiamo ora al lato logistico. Per visitare i mercatini vi consiglio come punto d’appoggio il “Camping Nord Sam”, posizionato nella parte settentrionale della città, in un quartiere tranquillo, e distante solo 4 km dal centro storico. Quest’ultimo è comodamente e facilmente raggiungibile con i normali autobus di linea in circa 15-20 minuti, grazie alla fermata presente a soli 50 metri dall’uscita del campeggio. Alla reception vi forniranno informazioni dettagliate suoi trasporti oltre a poter acquistare direttamente i biglietti o la “Salzburg Card”. Se decidete di recarvi durante il ponte dell’8, come ho fatto io l’anno scorso, è quasi d’obbligo la prenotazione, per essere sicuri di aggiudicarvi una piazzola, vista la notevole affluenza di camperisti.

Informazioni campeggio: aperto da aprile a ottobre con apertura straordinaria nel periodo natalizio in occasione dei mercatini, piazzole su fondo ghiaioso/erboso. Blocchi wc con docce calde, allaccio elettrico, camper service per le operazioni di carico e scarico, piscina privata, collegamento diretto al centro con mezzi pubblici. Sono ammessi gli animali.

Come arrivare: provenendo dall’autostrada A1, prendere l’uscita “Salzburg Nord” e seguire le indicazioni del campeggio; la struttura si trova a circa 1 km dall’uscita.

Indirizzo e coordinate:

Samstrasse 22/A 5023 Salzburg (A)
Coordinate GPS: N 47°49’36” ; E 13°3’46”

Struttura visitata:  Dicembre 2016

Se all’andata o al ritorno avete bisogno di un punto sosta sicuro dove dormire lungo la via , vi consiglio l’area di sosta camper di Tarvisio (UD), situata proprio nel confine tra Austria e Italia. Per maggiori dettagli, vi rimando direttamente al post dedicato: http://monpetitcamper.com/area-di-sosta-camper-tarvisio-ud/

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

2 pensieri riguardo “Salisburgo a dicembre: non solo mercatini di Natale

    1. Ti ringrazio molto! Perdona il ritardo nel rispondere, so che c’è un parcheggio a pagamento presso la Chiesa di St. Andrä, praticamente a un passo dal centro, dove sostano spesso camper. Le coordinate sono: N 47.805893 ; E 13.043133

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *